Seleziona una pagina

Mastoplastica Additiva

Raffaele Siniscalco

L’intervento chirurgico per aumentare il volume del seno

La mastoplastica additiva è attualmente uno degli interventi di chirurgia estetica più richiesti dalle donne. Tra tutte le procedure di chirurgia estetica, la mastoplastica additiva, insieme all’intervento di liposuzione, è il più richiesto.
Tale intervento chirurgico trova indicazione quando:
– il seno è piccolo (ipotrofia mammaria)
– nel corso degli anni si ha avuto una perdita di volume (o della tonicità) del seno, dopo gravidanze, allattamento oppure dimagrimenti
– quando, sempre con il passare degli anni si assiste ad uno svuotamento accompagnato da un leggero rilassamento (ptosi) del seno, a causa di un repentino dimagrimento, dopo una gravidanza, l’allattamento o, appunto, per effetto dell’invecchiamento
– è presente una evidente asimmetria tra i due seni che presentano un volume molto diverso tra loro. In questo caso si usa anche il termine di mastoplastica correttiva.
L’intervento di mastoplastica additiva consiste nell’inserimento nella regione mammaria (sopra o sotto il muscolo pettorale) di una protesi mammaria che può avere forme e materiali diversi: rotonde o anatomiche (“a goccia”), a superficie liscia o testurizzata (“rugosa”), in gel di silicone o in altri materiali. La scelta delle protesi da utilizzare nel singolo caso cambia da paziente a pazientee viene decisa dopo un approfondito colloquio, sulla base sia delle personali aspettative della paziente che della sua conformazione fisica.
La via d’accesso per il posizionamento delle protesi mammarie possono essere sottomammarie, periareolare o ascellare.
L’intervento viene eseguito in anestesia generale o in sedazione profonda, dura circa un’ora e la dimissione del pazinte, a seconda dei casi, può avvenire la sera stessa o necessitare di una notte di degenza.
Dopo l’operazione di mastoplastica additiva la paziente può avvertire lievi dolori al petto e nei movimenti delle braccia, che scompaiono in meno di 1 settimana. Nella maggior parte delle pazienti sono sufficienti dei blandi analgesici da assumere per pochi giorni per eliminare quasi completamente il dolore iniziale.
I punti di sutura vengono rimossi dopo circa 7 giorni.
Per i primi giorni dopo l’intervento è assolutamente raccomandato un riposo a casa.
Dopo l’intervento la paziente dovrà portare un reggiseno compressivo e contenitivo per circa un mese sia di giorno che di notte.
L’attività lavorativa potrà essere ripresa già dopo 7 giorni.
L’attività sportiva potrà essere ripresa dopo circa un mese.
Si puo’ riprendere la guida dell’auto dopo 5-7 giorni per brevi tragitti; dopo 30 giorni si potrà riprendere la normale guida anche per lunghi viaggi.
Va sottolineato che l’intervento di mastoplastica additiva è un intervento che va rigorosamente effettuato in una clinica ben attrezzata e comunque mai in uno studio o ambulatorio medico. Bisogna sempre quindi diffidare di chi propone interventi a basso costo all’interno di uno studio.

Numero Verde